"Léo attendeva come una momentanea liberazione la breve catalessi che costituiva tutto il suo sonno. C’era una doppia prigione: quella diurna, fatta delle strade della città e della sua misera condizione, e quella notturna, fatta di circonvoluzioni della mente, ricordi, sentimenti di tetra disperazione alternati a momenti di esaltazione insensata, e su un piano più materiale, fatto di umidità e del puzzo che saliva dal fiume, e dalla mole di Pontenuovo che nascondeva il cielo. Gli sembrava che la vita fosse un poderoso meccanismo a orologeria, che lui stesso aveva assemblato, pezzo dopo pezzo, nel corso degli anni, e gli pareva che il meccanismo avesse il solo scopo di chiudersi su di lui, come una bara fatta di gesti passati."
L’armata dei sonnambuli - Wu Ming

Non posso dire esplicitamente cosa, ma…

Fare cose che non hai voglia di fare perché altrimenti accadrebbero cose che hai ancora meno voglia che accadano.

"L’idea più stravagante che possa nascere nella testa di un politico è quella di credere che sia sufficiente, per un popolo, entrare a mano armata nel territorio di un popolo straniero, per fargli adottare le sue leggi e la sua costituzione."
Maximilien de Robespierre - Œuvres

Sono stata nominata da strappamutande su facebook, ma ho deciso di rispondere qui, spero vada bene lo stesso :3 Devo scrivere i titoli di dieci libri che, fino ad adesso, sono stati in grado di segnare maggiormente la mia vita. Questi sono quelli che mi sono venuti in mente:

Cent’anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez
Due di due di Andrea De Carlo
→ Una donna di Sibilla Aleramo
La manomissione delle parole di Gianrico Carofiglio
→ La storia di Elsa Morante
Lettera al padre di Franz Kafka
Sulla strada di Jack Kerouac
Paula di Isabel Allende
Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen
→ Harry Potter (tutta la saga di 7 libri) di J.K. Rowling

Nomino chiara—mente, hurricaneg, vecchidifettimombs, liberacomeunlupo e cortescontadettaarcana, spero che abbiate voglia di farlo :)

Oggi giorno del test a Padova. Ho scoperto che la gente, anche se si iscrive all’università, ha un’autonomia peggiore di un bambino dell’asilo, tipo non saper leggere l’indirizzo sul foglio di pre-immatricolazione e andare nell’edificio o nell’aula sbagliati pretendendo di essere in quello giusto. Il test in sé era fattibile, ho finito presto e ne ho lasciate in bianco solo tre di cui proprio non avevo idea.
Ho pranzato seduta sugli scalini in piazza Antenore aspettando il ragazzo che doveva vendermi i libri, poi ho girato per la città con il mio sacco di libri (diritto privato, diritto pubblico, economia politica) e molti soldi in meno. 
Quattro diverse persone in treno (di cui tre giapponesi) mi hanno chiesto -i tre in inglese- dove stessi andando di bello. Io stavo tornando a Brescia, che non è mai bello. 
Padova, 10 settembre 2014
11

Oggi giorno del test a Padova. Ho scoperto che la gente, anche se si iscrive all’università, ha un’autonomia peggiore di un bambino dell’asilo, tipo non saper leggere l’indirizzo sul foglio di pre-immatricolazione e andare nell’edificio o nell’aula sbagliati pretendendo di essere in quello giusto. Il test in sé era fattibile, ho finito presto e ne ho lasciate in bianco solo tre di cui proprio non avevo idea.

Ho pranzato seduta sugli scalini in piazza Antenore aspettando il ragazzo che doveva vendermi i libri, poi ho girato per la città con il mio sacco di libri (diritto privato, diritto pubblico, economia politica) e molti soldi in meno. 

Quattro diverse persone in treno (di cui tre giapponesi) mi hanno chiesto -i tre in inglese- dove stessi andando di bello. Io stavo tornando a Brescia, che non è mai bello. 

Padova, 10 settembre 2014

Domani alle 9.30 devo essere in aula a fare il test d’ingresso e oggi ho:

  1. dormito fino a tardi
  2. pranzato con la mia insegnante di tedesco del liceo ed altre due sue alunne
  3. accompagnato la mia amica dal meccanico delle biciclette (?)
  4. passato il pomeriggio sul letto con il mio ragazzo, poi al computer a spiegargli la strada per arrivare anche lui nell’aula del test d’ingresso, visto che ci deve andare venerdì da solo
  5. guardato come arrivare al posto in cui domani devo incontrare quello che mi vende i libri per l’università.

Il test sicuramente non lo passerò grazie al duro impegno che ci ho messo per prepararmi. Forse, e dico forse, stasera faccio una simulazione d’esame giusto per sentirmi in pace con il senso di colpa.

Domani esco a pranzo con la mia insegnante di tedesco del liceo e non so, è una sensazione strana perché ormai non è più la mia insegnante e quindi non può darmi voti o giudicarmi, potrei dirle qualsiasi cosa senza compromettere i miei risultati scolastici; penso anche che potremmo annoiarci a morte perché in comune oltre alla scuola e all’essere vegetariane (io vegana) non abbiamo granché, ma era da maggio che mi diceva “prima del prossimo anno scolastico andiamo a mangiare vegano insieme!” e io le ho detto di sì e domani alle 12.30 sarò lì, sperando di trovare qualcosa con cui occupare i silenzi imbarazzati che arriveranno.

Come sostiene Chiara, la domenica è un giorno triste e dovrebbero abolirlo. Diventa ancora più triste quando lo passi a rispondere a quesiti per testare le tue capacità logico-formali.

La tenerezza è qui.
8 settembre 2012
18

La tenerezza è qui.

8 settembre 2012

"Come diceva Daniel Belalcázar, non vale la pena soffrire in anticipo per disgrazie che non è detto che si verifichino."
Inés dell’anima mia - Isabel Allende

Scelte universitarie volte a…

Io all’università vado a studiare Scienze Politiche, mentre il mio ragazzo studierà Filosofia. Quando qualcuno ce lo chiede, la risposta al mio è “bello!” e la risposta al suo è “finirai a pulire i cessi…”, per cui ora quando qualcuno glielo chiede risponde direttamente “vado a pulire i cessi”. Oggi un amico gli ha chiesto “quando inizi a pulire i cessi?” e a me ha chiesto “quando inizi a conquistare il mondo?”. Sì, la gente lo deve sapere che studio Scienze Politiche con lo scopo di diventare il capo del mondo. 

Nella vita bisogna anche trovare la forza di chiedere scusa alle persone, quando ti accorgi di aver sbagliato, perché lasciar sistemare tutto dal tempo non funziona quasi mai. 

Anche la seconda festa del Collettivo Gardesano Autonomo è riuscita. In questa mi sono impegnata molto di più, tra inviti diramati a tutte le mie conoscenze, cucina e organizzazione varia (oltre alle foto, ma quelle sono il mio compito ufficiale). Il mio piccolo netbook è servito per metter su la musica tutta la sera, le frittate e le torte salate fatte da me sono sparite in dieci minuti; a fine serata erano rimaste solo la birra e la crema di cicerchie, e dopo aver smontato tutto avevamo una fame incredibile e molta voglia di prendere freddo in spiaggia in compagnia del vino. 

Un grazie speciale a vecchidifetti e howeverdied :)

Desenzano del Garda, 2 settembre 2014

Dovevamo andare a Padova a firmare il contratto della casa, ma per questione di treni abbiamo passato tre ore a Verona a fare i turisti, abbiamo visitato (di nuovo) l’arena, la casa di Giulietta, piazza Erbe e il Duomo.

A Padova siamo stati a Prato della Valle che so che diventerà un ritrovo fisso perché è anche vicino a casa e mi piace così tanto, e in agenzia immobiliare, prima di correre di nuovo in stazione a prendere il treno diretto fino a Brescia.

Verona-Padova, 1 settembre 2014

Tre allegri ragazzi morti, un concerto fantastico. Dopo quello dell’anno scorso rovinato dalla pioggia, si sono proprio rifatti. Canzoni vecchie e nuove, ma tutto bellissimo.

Nella parte restante della nottata: vino bianco come se non ci fosse un domani, musica trash fino all’alba, discorsi intellettuali da ubriachi (che senso ha confrontare T.S. Eliot con Mao Tse Tung? chi lo sa). 
Mattina passata a volantinare a Desenzano con gli occhiali da sole rigorosamente calati, poi un panino falafel di colazione e tre litri d’acqua per smaltire le scorie radioattive

Brescia, 30 agosto 2014